blog meteoviterbo - METEOVITERBO

Vai ai contenuti

MERCOLEDI' BREVE PARENTESI INVERNALE

METEOVITERBO
Pubblicato da in PREVISIONI · 25 Febbraio 2020
Tags: 25febbraio2020
Nonostante il tempo vada verso un cambiamento per l'avvicinarsi di una perturbazione fredda, anche oggi le temperature, seppur in lieve diminuzione durante il giorno, saranno ancora miti. L'aria mite e la copertura nuvolosa notturna, hanno fatto registrare a Viterbo città delle temperature minime intorno ai 10 gradi. Per mercoledì si attende un peggioramento del tempo dalle caratteristiche invernali, con venti forti, generale calo delle temperature e precipitazioni. Giovedì ancora freddo ma già da venerdì le temperature torneranno ad aumentare.

MARTEDI' 25 FEBBRAIO 2020
Alta pressione in graduale cedimento per l'avvicinarsi di una perturbazione atlantica accompagnata da aria fredda che nella giornata di mercoledì aprirà una breve parentesi invernale. In mattinata il cielo sarà da nuvoloso a parz. nuvoloso per il passaggio di corpi nuvolosi che però non produrranno precipitazioni. Nel corso della giornata torna il sole e le temperature, seppur in lieve diminuzione, saranno ancora su valori miti. In serata aumento della nuvolosità. Il vento sarà moderato meridionale con raffiche fino a 35/40 km/h. Le temperature del primo mattino sono aumentate sensibilmente anche a causa della copertura nuvolosa che ne ha impedito la diminuzione.

MERCOLEDI' 26 FEBBRAIO 2020
Pressione atmosferica in diminuzione con tempo in peggioramento, specie tra il pomeriggio e la sera.  L'aria fredda che accompagna la perturbazione farà aumentare l'instabilità atmosferica. Ci saranno frequenti passaggi nuvolosi anche intensi che porteranno piovaschi sparsi alternati a momenti senza precipitazioni. Nel pomeriggio le temperature subiranno un deciso e brusco calo e il vento andrà intensificandosi con raffiche fino a 50/60 km/h. Tra il pomeriggio e la sera possibili precipitazioni anche sotto forma di groupel (neve tonda compressa). Quota neve in diminuzione in serata fin sotto i 1.000 metri, interessando le zone dei Cimini. Durante la notte temperature in ulteriore diminuzione con possibile formazione di ghiaccio sulle strade.





Torna ai contenuti